Concerti - Contest - Laboratori - Education
imgHome
Storia
Maggio della Musica - La Storia
A Napoli il binomio Maggio della Musica - Maggio dei Monumenti, nasce nel lontano 1997 proseguendo felicemente sotto gli auspici della Soprintendenza Speciale del Polo Museale Napoletano e con il conforto dell’assidua presenza di un pubblico entusiasta. Prerogativa irrinunciabile quest’ultima, che ha determinato nel tempo la crescente “fidelizzazione” dei numerosissimi abbonati/soci e del normale pubblico pagante che dalla primavera all’autunno affolla le consuete prestigiose sedi dei concerti: l’Auditorium di Castel Sant’Elmo, il Salone da ballo della Reggia di Capodimonte, Villa Pignatelli ed il Teatrino di Corte di Palazzo Reale che fu allestito nel 1768 da Ferdinando Fuga.

Il rapporto con la Soprintendenza consolidatosi nel corso degli anni si è via via ampliato dando luogo ad una progettualità seriale avente quale oggetto l'attività concertistica coniugata a momenti espositivi di grande prestigio.

A partire dal 2004, in occasione di due mostre che il Museo di Capodimonte ha dedicato al grande Caravaggio, il “Maggio” ha proposto, in concomitanza con gli eventi espositivi, due appuntamenti concertistici di gran pregio: Il liuto di Caravaggio e Amor Vincitore. Sul solco del successo di queste iniziative, nel 2006 nasce il progetto “Capodimonte in Musica” che parte collegandosi a due eccezionali mostre pittoriche: la prima dedicata a Domenico Morelli, la seconda a Tiziano, ricreando le atmosfere musicali dell'epoca con l'esecuzione di due concerti tematici nelle sale adiacenti le esposizioni. Nel 2007, il Maggio della Musica, in collaborazione con la Soprintendenza, inaugura, con un proprio concerto, le celebrazioni per il 50° anniversario della fondazione del Museo di Capodimonte.

Nel 2008, con “l’arte dei luoghi, l’arte dei suoni”, il Maggio della Musica approda in Turchia. Riempie con grande successo di critica, la sala dell’Opera di Ankara, presentando un apprezzatissimo ciclo di quattro concerti tutti attinenti, vuoi per i natali degli interpreti, che per i brani eseguiti, alla città di Napoli.

Artisti e Formazioni da Camera, tra le più prestigiose, hanno suonato per il pubblico del Maggio della Musica, tra questi: Ivo Pogorelich, Grigory Sokolov, Viktoria Mullova, Uto Ughi, Salvatore Accardo, Michele Campanella, Rudolf Buchbinder, Renaud Capucon, Philarmonische Camerata Berlin, Philarmonia Vien, Prazak Quartet, Sinfonietta Koln, Devid Geringas, Bruno Canino, Kyoko Yonemoto, Boris Belkin, Philippe Entremont, Daniil Trifonov, Federico Mondelci, Stefano Bollani, Quartetto Savinio.

Nel 2011 l’Associazione si apre ad un’ulteriore fase di crescita, attestata da un cambio al vertice del nucleo artistico, intento a ribadire quanto al contempo a rinnovare le coordinate specifiche dell’iniziativa, mantenendo ben saldo l’ormai consolidato percorso: subentra nella Direzione Artistica, Michele Campanella.

Il celebre pianista imposta il suo progetto artistico giocando sulla promozione del più ampio repertorio classico ponendolo accanto ad una nuova, significativa attenzione per la creatività contemporanea, di area partenopea in primis, intensifica la privilegiata sinergia con i principali luoghi museali e d’arte della città di Napoli e riformula anche le modalità di fruizione degli eventi concertistici, sia ricercando una viva dialettica fra pubblico e interprete, sia creando capitoli d’intersezione fra diversi ambiti della cultura e dell’arte.

Dalla partnership del Maggio della Musica con BNL - Gruppo BNP Paribas, main sponsor della Manifestazione e partner storico di Telethon, nasce il prestigioso appuntamento annuale “Musicalmente per Telethon”, evento musicale di punta, realizzato per raccogliere fondi a favore della ricerca medica.

Presidente dell’Associazione è Luigia Baratti. Direttore Artistico è Michele Campanella
© 2014 Maggio della Musica - P. IVA 04832850632 - Realizzato da NapoliWeb S.r.l. - Siti Web Napoli